giovedì 4 luglio 2013

Inatteso - racconto breve

Una sera da solo. Non è che chieda tanto. La famiglia è meravigliosa. Mia moglie e le mie due figlie mi riempiono di gioia e attenzioni. E io ricambio con tutto l’amore del mondo. Però una sera da solo a leggere un libro o a guardare la tivvù me la potrò concedere ogni tanto. O no?
Questa più o meno è quella sera. Tutte dormono, prese da non so quale provvidenziale torpore. Tutte a letto presto. Regina e principesse.

Zapping selvaggio per tirare l’inizio del film che volevo vedere da tempo e che i gusti femminini mi impedivano. Fantascienza estrema col gusto dell’orrido. Ah!
Spengo le luci. Birra ghiacciata al fianco. Cinema domestico.
Certo non sono più il giovanotto d’una volta. Ho mancato la fine del film e mi sono addormentato come un pirla davanti allo schermo ormai invaso da un nugolo di formiche bianche e nere, che emettono un inquietante brusio.
Qualcosa però mi ha svegliato. Nella strana ora notturna, che poco frequento, so per certo che il silenzio dovrebbe dominare la casa e i suoi dintorni. Invece un rumore c’è stato.
Mi alzo di scatto dal divano. Il chiarore proveniente dallo schermo è sufficiente per orientarsi. Non oso accendere altre luci. Un altro rumore.
Ora sento chiaramente che viene dal pianerottolo. Da oltre la porta.
Cazzo, c’è qualcuno fuori. Qualcuno che sta cercando di entrare.
La sensazione più vicina a quella che sto provando ora è quella di una scossa. Dalle gambe al cervello e giù alla punta delle dita. Sono tutto un brivido di paura ed eccitazione.
Piano mi avvicino alla porta d’ingresso, per capire cosa stia succedendo. Le cose della casa quotidiane ed immobili mi guardano insonnolite mentre compio gesti assolutamente inusuali per me, per l’ora. Per me a quell’ora.
I piedi sfiorano il pavimento di legno che non scricchiola per pura fortuna.
Arrivo alla porta. Sento chiaramente la presenza di qualcuno al di là del pannello blindato.
Mi avvicino allo spioncino e poso l’occhio sulla lente mentre ricordi di ogni genere di film horror e thriller mi urlano che è la mossa peggiore che possa fare. Da quel pertugio in quei film è passato di tutto. Proiettili, lame. Paure. Ma non ho altro modo di indagare questa realtà ostile.
Poso l’occhio ma niente al mondo può prepararmi a quello che sto vedendo. Fuori dalla porta di casa mia ad un’improponibile ora notturna, circondato dal porta ombrelli e da una chenzia un po’ moscia c’è il Diavolo.
Non un povero diavolo qualunque. Non un ladro che voglia svaligiarmi casa. Ma il Diavolo. Completo di corna, con il forcone in mano. La faccia rossa è deformata nella visione dello spioncino. Indossa una specie di vestito scuro. Giacca e pantaloni antracite. Dolcevita nero.
Un sudore freddo mi gocciola lungo la schiena quando vedo la sua mano, quella libera dal forcone, che si avvicina con lentezza esasperante alla maniglia della porta. È chiusa a chiave, penso. O forse no? Cazzo. Ma lui è il diavolo. Basterà una serratura per tenerlo fuori?
La mano ha quasi afferrato la maniglia d’ottone, quando si sente una vibrazione. Sommessa e ritmata. Fastidiosa.
L’espressione sul volto del Diavolo, che prima era concentrata e tesa si fa stupita, prima. Infastidita, poi. Qualche brontolio a fior di labbra.
La mano rimane a mezz’aria tra lui e la maniglia mentre con l’altra cerca goffamente di tenere in piedi il forcone e cercare qualcosa nelle tasche.
La vibrazione è continua ed insistente.
Il Diavolo si fruga la giacca poi i pantaloni, quindi l’interno della giacca.
Quella mano curiosa estrae un oggetto nero, che vibra e brilla. Se lo porta all’orecchio.
Pronto? dice a bassa voce. Cosa? Ma ero quasi dentro. Va bene, va bene. Ciao.
Il Diavolo dalla faccia rossa e sempre più contrariata si ficca il cellulare in tasca, perdendo per un attimo la presa del forcone che cade a terra facendo un chiasso tremendo, come quando cade il coperchio di una pentola. Ma lui non lo sa, non facendone uso.
L’eco del rumore si spegne lentamente. Di lontano un cane abbaia. Se il rumore è durato dieci secondi, Il Diavolo per tutto il tempo è rimasto immobile, teso, come pronto a reagire ad una possibile minaccia. Quel rumore agghiacciante avrebbe potuto svegliare mezzo quartiere ma nulla sembra muoversi. Forse qualche vicino addormentato si è girato nel sonno. Tutto qui.
Il Diavolo raccoglie il forcone bestemmiando e quasi ringhiando. Getta un’ultima occhiata alla mia porta. Poi scuotendo il capo, se ne va.
Io rimango solo. Nel buio e nel silenzio, chiedendomi se tutto questo sia realmente accaduto.
Tornando sul divano, per sbaglio do un calcio alla bottiglia di birra vuota. Nenache tr secondi dopo arriva mia moglie ciabattando. Si può sapere che casino stai facendo? chiede.
Un chiasso indiavolato, rispondo mentre mi chiedo come potrò mai tornare a dormire, sapendo chi passa davanti alla mia porta.

___
un racconto breve di AGO

24 commenti:

  1. Sempre di ottima fattura i tuoi racconti :)

    RispondiElimina
  2. Forte! Usi un tipo di scrittura che fa sembrare ciò che succede, reale. Mi è piaciuto.
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie albaboreale, felice di averti coinvolto

      Elimina
  3. Scrivi benissimo, il racconto mi ha presa fin dalle prime righe, mi ha accompagnata fino all'ultima riga!
    ho appena scoperto il tuo blog ma già voglio saperne di più!

    Buona Scrittura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fosca del tuo commento. Sono felice di saperti interessata ai miei lavori. Aspetto di sapere cosa ne pensi.

      Elimina
  4. Non perdi mai l'ispirazione, la voglia di scrivere e di raccontare. I tuoi racconti sono belli dal primo all'ultimo. Questo mi piace molto. Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara,
      questo genere di commenti è proprio quello che ci vuole per non perdere l'ispirazione...
      Però è da un po' che non posti niente sul tuo blog.

      Elimina
  5. "Un chiasso indiavolato" è una battuta d'effetto :)
    Appena scoperto il blog, ma mi rifarò sicuramente del tempo perso. Questo è il mio genere di racconti.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  6. Bello!
    Mi sa che se sento stasera un rumore fuori dalla porta mi sentirò male ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Bisogna stare attenti a qui rumori nella notte.

      Elimina
  7. ma il diavolo non ha fatto i conti con la moglie del tipo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non so proprio quale dei due sia peggio...

      Elimina
  8. "Non un povero diavolo qualunque. Non un ladro che voglia svaligiarmi casa. Ma il Diavolo."
    Secondo me qui avresti dovuto sostituire "diavolo" la prima volta con "uomo", così il passaggio tra naturale e surreale è più netto ed evidente.
    Poi, quando cade il forcone dovresti far notare maggiormente che il forte rumore è solo una tua percezione, probabilmente dovuta allo spavento, a me sembra l'unico modo di far quadrare le cose.
    Comunque ottima fantasia, ottimo stile di scrittura, anche se avrei preferito che tu avessi voluto trasmettere un po' più di paura allo scrittore, un po' alla Stephen King, perchè di materia per spaventare ce n'è in abbondanza.
    Tutto sommato bel racconto. Ciao, e continua a scrivere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per i tuoi suggerimenti. Ne farò tesoro.
      Tu continua a leggermi!

      Elimina
    2. Sicuramente! Leggerti mi ha anche dato l'input giusto per mettere in rete racconti che tenevo da parte e idee che mi girano in testa.
      Se hai voglia mi farebbe un grande piacere ricevere un tuo giudizio, qui c'è il mio primo post (http://shortnovels1.blogspot.it/) ciao

      Elimina
  9. I tuoi racconti brevi sono stupendi! Si entra senza difficoltà nell'atmosfera che vai via via descrivendo. E' stata anche ottima la scelta finale, almeno per come la ho immaginata io e secondo il mio modesto parere.

    Un saluto.
    B.M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille B.M. per il tuo apprezzamento. Mi sento soddisfatto di averti coinvolto.

      Elimina
  10. Non mi è piaciuto :'(:'(:'(:'(:'(:'(

    RispondiElimina
  11. Chissà cosa voleva il diavolo a quell'ora della notte?
    Una cosa è certa:Se l'è scampata proprio bella il protagonista.
    "Inaspettato" è l'esatta definizione della mia analisi come al solito positiva, si perchè questo racconto è veramente inaspettato.
    Puo sembrare un contesto serioso,però dispone anche di un lato comico,il diavolo appare al lettore (o almeno per me) goffo e simpatico,inoltre stavolta la moglie (la regina) non è descritta negativamente
    :-)
    Comunque anche se un opera di fantasia,i rumori sospetti nel cuore della notte,danno timore a chiunque...può essere niente come può essere qualsiasi cosa...anche il diavolo
    :-)
    Capita a tutti,no?
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stato un modo per esorcizzare quei terribili rumori nel buio.
      Capita davvero a tutti! :-P

      Elimina