giovedì 12 giugno 2014

Nel bosco - racconto breve fantasy

Al centro del bosco la radura è illuminata dalla sola fioca luce delle stelle. Una brezza leggera stormisce tra le foglie, facendo ondeggiare anche i fili d'erba, pronti a ricevere la rugiada.
Gli antichi alberi custodiscono il segreto di quella radura come verdi valve d'ostrica, gelose della loro verde perla. Difficile è arrivare, se gli alberi non lo consentono. E gli alberi lo permettono a pochi. A poche.

Quelle poche sono le donne consacrate, che percorrono a piedi nudi i sentieri segreti nel folto della foresta, sicure di muoversi in mezzo agli amici.
Le donne arrivano quasi nello stesso momento. Non portano il fuoco. A loro basta quella pioggia di luce lontana per orientarsi. Si guardano. Sono dodici.
Entrano nella radura.
Intonano un canto antico, la cui melodia ha origine insieme alla danza stessa degli astri.
Le streghe si prendono per mano, iniziando la loro danza.
I loro manti bruni, verdi e blu ondeggiano attorno alle caviglie nel ritmo lento di flauti arcani e parole remote. Le streghe si scambiano sguardi complici mentre si tolgono vesti e mantelli, facendoli scivolare lungo i fianchi. Sono belle e brutte. Sono giovani e vecchie, sono alte, basse, magre, grasse. Dalla pelle di luna o d'ebano.
Sono i mille volti della Madre, che sono qui venute ad adorare.
Sempre più veloce il ritmo coinvolge le danzatrici della notte. Il vento suona un flauto fatto di foglie mentre invisibili tamburi rombano nel sottobosco. Si scuotono sistri antichi. Cimbali.
Le donne elevano di nuovo le loro voci verso il distante nero della notte. Dapprima armonioso, il canto si fa più stridulo e si tramuta in urla ferine. Le donne non danzano più ma saltano e si rotolano a terra, preda della febbre indotta dalla dea.
I loro canti, i loro movimenti, i loro spiriti stanno compiendo un incantesimo, di cui sono solo in parte consapevoli. Le parole ed i gesti riverberano attraverso le dimensioni, per raggiungere il caos al centro del cosmo e prenderne un frammento, portandolo in quel bosco.
Quando il rito giunge al suo culmine, si stacca dalle ombre ai margini della radura un’ombra ancora più cupa. Le sue sembianze sono di un uomo ma la luce non si riflette sul suo corpo. Nero.
L’uomo entra nel cerchio delle streghe che ancora si contorcono negli spasmi dell’orgasmo divino.
Le guarda tutte, poi si avvicina alla più giovane tra loro. Gli acerbi seni appena formati sono umidi di sudore, che brilla come polvere di diamanti alla luce lontana degli astri. Il respiro affannoso per la danza appena conclusa, alza gli occhi verso l’uomo d’ombra che si avvicina.
Lui parla in un linguaggio sconosciuto agli uomini, che però lei comprende, cogliendo l’eco del senso nelle assonanze di antiche memorie ormai sopite. Si inginocchia davanti a lui. Si sdraia aprendo le gambe senza alcun pudore. Senza paura.
L’uomo nero si stende su di lei, penetrandola con aspra dolcezza. Il suo alito è profumato e alieno. La sua pelle calda.
In pochi momenti l’uomo depone il suo seme dentro la giovane strega.
L’uomo nero accarezza il volto della giovane, i suoi occhi gialli dalla pupilla verticale posano un ultimo sguardo in quelli di lei, per poi dissolversi nel buio della notte.
Le sorelle si avvicinano, porgendole un manto nero di leggera lana morbida, che lei indossa senza parlare.
Quando si alza sente dolori lancinanti al ventre. Dolori che a stento riesce a controllare, mantenendosi malferma sulle gambe. Questo non è giusto, pensa. Questo non dovrebbe succedere. Pensieri di terrore.
D’improvviso sente un liquido caldo che le scorre lungo le gambe. Anche se i colori sono annullati dalla fioca luce, capisce che si tratta di sangue, del suo sangue, una pozza nera sotto i suoi piedi.
Vertigini. Dolore. Una pugnalata nel ventre che si squarcia in una cascata nera e oscena. Un fagotto molle e informe si fa strada tra i lembi frastagliati di carne, con un tonfo cade a terra. Dal fagotto alcune escrescenze si protendono a formare rudimentali arti, che l’essere mostruoso usa per puntellarsi e sollevarsi dal terreno. Cresce, intanto. La creatura nera lorda di sangue prende le sembianze di un uomo dalla pelle chiara, quasi tralucente. I suoi dorati occhi dalla pupilla verticale osservano sua madre accasciata al suolo, preda di dolore e paura. L’essere si china per baciarle labbra, suggendole l’anima con l’avidità della prima poppata. Lei muore.
Il demone sembra sentire un rumore, si volta. Le sue pupille sono fessure di odio. Le narici dilatate fremono di furia repressa. L’uomo vede. Scatta in avanti. Buio.

Manlio Dellastiara si svegliò completamente ricoperto di sudore gelido. Attorno a lui le pareti della stanza vorticarono pericolosamente nella semioscurità della sua spoglia camera.
Mentre brividi di freddo e paura gli correvano lungo la schiena, sentì una strana familiarità con quelle immagini, con quei suoni. Con quegli odori.
La mano ancora tremante accese la luce. La lampadina si illuminò penzolando triste dal soffitto, attaccata disperatamente al suo filo, come un suicida in preda ad un ripensamento.
Manlio si rivestì.

Ho bisogno di parlare con qualcuno, pensò. E di bere.

___
un racconto breve fantasy di Ago

7 commenti:

  1. Non mi aspettavo che fosse coinvolto anche il buon vecchio Dellastiara nel racconto!
    La tetra cerimonia delle streghe è scritta divinamente, con uno succulento sapore misto tra orrido e mistico. Mi piace :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sai, le streghe mi affascinano e mi spaventano molto. Sono parte di una coscienza "altra" che hanno avuto il coraggio di preservare nonostante le persecuzioni.
      Il buon Manlio ne è invischiato. Ma ancora non lo sa...

      Elimina
  2. inconscio in subbuglio. doppio legame tenente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indovina: dove andrà a sbattere la testa?

      Elimina
  3. (Grazie di avermi aspettata per continuare la storia!!!)

    RispondiElimina
  4. Caro AGO,sono rimasto stupito da questo episodio,hai inserito "un racconto nel racconto" dal sapore misto di fantasy,erotico e horror,in primis molto interessante che aiuta non poco a capirne di più di questa complicata vicenda,avendo cosi un accenno delle origini di questo Male,in secondo luogo dai la possibilità al lettore di...non so come spiegarlo,ci provo:
    di "vivere" in prima persona questo particolare rituale tenuto da queste misteriose streghe.
    Il sesso tra l'uomo nero e la streghetta è da brividi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace che il lettore si senta coinvolto e provi sulla pelle quel che dico. Grazie di esserti calato nella parte

      Elimina