martedì 12 agosto 2014

Versi - poesia










Potrei prendere tutte le stelle
dal loro lontano cielo di cristallo,
per metterle dei tuoi occhi
a paragone.
Potrei strappare dalle profondità della terra
i rossi rubini infuocati.
Perderebbero il confronto con le tue labbra.
La bianca neve delle vette più alte
non potrebbe stare accanto alla tua pelle.
Ma per conoscerti bene,
si dovrebbe parlare del freddo tuo cuore
e dell’anima nera che racchiude
e di quanto sei stronza e feroce.
Ed è strano che io ti ami,
solo perché so

che potrei renderti felice.

___
una poesia di Ago

13 commenti:

  1. E tu sai com'è faticoso...

    RispondiElimina
  2. bruciamo i templi e gettiamo sale sulla terra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Affinché niente più vi cresca.

      Elimina
  3. Non è strano. E' anzi estremamente naturale. Una legge cosmica che sinora sembra incontrovertibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "e adesso invece non ci credo più
      non credo più a niente
      e la mia vita non la rischio più
      per nessuno e per niente"

      Elimina
  4. Ecco, endi, mi sembra sempre più che davvero stiamo camminando sulla stessa strada...

    RispondiElimina
  5. (AGO, ad ogni distruzione segue una rinascita. Ciò che il bruco chiama la fine del mondo... So che significa, però. Lo so. Ti abbraccio, posso?)

    RispondiElimina
  6. Mi son scese le lacrime...,AGO con questa tua poesia hai toccato le corde del mio cuore
    La prima parte romantica,dolcissima,da dedicare alla persona che ami,la seconda parte struggente,triste,da dedicare alla persona che odi
    L'amore/odio un mix di sentimenti contrastanti,ognuno dei due vorrebbe prevalere sull'altro,una sensazione difficile da descrivere a parole
    Citando una canzone degli studio 3
    "Ti regalerei una stella ma non servirebbe a nulla,luce dopo la tempesta un desiderio resterai...."

    AGO ne scrissi una simile alla mia ex,gliela dedicai ma...altra sconfitta altro amaro ricordo.
    Tante volte mi sento come se non appartenessi a questo mondo,come un "alieno" che non si riesce ad adattare.
    Ma poi dico:
    Ma come fa una donna a NON capire?Come fanno ad essere cosi cieche,ignoranti e soprattutto stronze.
    In Iran,in Afghanistan o tanti altri paesi la donna è considerata come una nullità o perlomeno un "oggetto" che serve solo per fare figli e per dare un assetto alla casa...,e nei paesi civilizzati come il nostro l'uomo è considerato come uno zerbino dopo che questo sputa sangue pur di renderla felice e unica
    Ma che cazzo di mondo è questo?
    Ma sopratutto io chiedo perchè...e lo chiedo a DIO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo ì che ognuno debba vivere la propria vita e il proprio modo di essere indipendentemente dagli altri e dalla persona amata. Bisogna essere onesti con se stessi e non annullarsi in funzione di qualcuno, che mai riconoscerà lo sforzo.
      Temo che Dio non centri nulla.

      Elimina
  7. No Dio non c'entra AGO,non do la colpa a lui,ma volevo solo capire e comprendere perchè la donne è cosi.
    Si bisogna essere indipendenti amico mio,fai il meglio per te stesso,ama e ama questo si e questo sempre,l'importante e che tu sia sempre presente a te stesso!

    RispondiElimina