lunedì 30 luglio 2012

Bevo - poesia



Bevo fino a stare male.
Fino a credere reali i sogni.
Bevo perché altrimenti
le parole rimangono dentro.
Nei liquidi color rubino
e ambra amara
si coaugulano i pensieri.
Come sangue.

___
una poesia di AGO

12 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Please don't have bad thoughts ...

      Elimina
    2. Oh, I'm an optimistic person, so it's fine :) Just the poem was a little bit sad ...

      Elimina
  2. questa poesia mi fa pensare a Edgar Allan Poe.

    RispondiElimina
  3. si si, anche a me la poesia fa pensare a poe... ma andrei anche più oltre: mi ricorda nightmare!

    veramente terribile. cmq la foto è peggio ancora, il che è tutto dire....

    RispondiElimina
  4. ...io bè ...mi ritrovo in questo bisogno d'annullare il razionale affinchè quel che c'è possa riversarsi su carta invece che far impazzire i giorni. Mi ricopro di cenere...anzichè riempirmi di alcool ...e certe volte mi par condanna ..tal altre un dono. ...ma altro non posso. Ti son vicina Ugo. Capisco. ..Sa

    RispondiElimina
  5. Bella poesia davvero
    Non so se c'entra però scrivo ugualmente questo mio piccolo pensiero.
    L'alcol non serve a niente, anzi… e se si beve per dimenticare succede che i ricordi spiacevoli si mantengono più a lungo anzichè scomparire.
    Meglio trovare altre valvole di sfogo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con te. Cosa ne dici della scrittura?

      Elimina
  6. La scrittura intesa come valvola di sfogo?
    Che la scrittura è molto meglio anni luce rispetto all'alcool,quest'ultimo, a parte che rovina la salute,"sporcano"la testa.
    La scrittura sicuramente non basta,ma aiuta tantissimo e quando questi pensieri scritti sono condivisi,ci si sente addirittura meno soli.
    Il "cantico delle creature" questa meravigliosa opera di San Francesco D'assisi non è stata scritta forse in una notte di dolore?
    Leviamo il forse,quando l'amore non è condiviso al 100 % pienamente,quando il lavoro opprime e ci si sente vuoti e stanchi, e quando le amarezze della vita ci colgono all'improvviso (specie la sera) la scrittura è un ottimo mezzo.
    Scrivere ma anche leggere ovviamente!!

    RispondiElimina